IN-TRAY Servizi Integrati srlIN-TRAY Servizi Integrati srl

CARTA BLU UE

Carta Blu EU

Il decreto legislativo del 28 giugno 2012 n. 108 ha introdotto un nuovo permesso di soggiorno, denominato “Carta Blu UE”. Il decreto ha recepito la direttiva europea 2009/50/CE, in attuazione delle condizioni di ingresso e soggiorno di cittadini di Paesi terzi che intendono svolgere lavori altamente qualificati. Gli stranieri che possono richiedere il permesso di soggiorno con dicitura “Carta Blu UE” sono i lavoratori extracomunitari altamente qualificati, che intendono svolgere prestazioni lavorative retribuite per conto o sotto la direzione o il coordinamento di un'altra persona fisica o giuridica, e che possono quindi fare ingresso o soggiornare in Italia al di fuori delle quote stabilite dal decreto flussi. Si tratta quindi, di un titolo di soggiorno specificatamente previsto per i lavoratori le cui qualifiche professionali devono essere certificate da idonei titoli di studio e attestati di qualifica professionale rilasciati dai loro Paesi, ed aventi tutti i requisiti per il valido riconoscimento in Italia.

La circolare del Ministero citata, specificando la nuova disposizione, chiarisce che la carta blu può essere rilasciata, previo completamento della procedura successivamente indicata:

  • •  agli stranieri residenti in uno Stato terzo;
  • •  agli stranieri regolarmente residenti sul territorio nazionale;
  • •  agli stranieri regolarmente soggiornanti in un altro Stato membro dell’U.E;
  • •  agli stranieri titolari di Carta Blu rilasciata da altro Stato membro.

Di contro, non possono richiedere tale titolo di soggiorno:
  • •  gli stranieri che soggiornano per motivi di protezione internazionale;
  • •  gli stranieri in qualità di ricercatori;
  • •  gli stranieri familiari di cittadini U.E. che hanno esercitato il loro diritto alla libera circolazione;
  • •  gli stranieri in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo e quelli in possesso di tale titolo rilasciato da altro Stato membro;
  • •  i lavoratori stagionali;
  • •  i lavoratori distaccati;
  • •  gli stranieri che fanno ingresso in uno Stato membro in virtù di impegni previsti da un accordo internazionale che agevola l’ingresso ed il soggiorno temporaneo di determinate categorie di persone fisiche connesse al commercio ed agli investimenti;
  • •  gli stranieri che beneficiano dei diritti alla libera circolazione equivalenti a quelli dei cittadini dell’Unione in virtù di accordi conclusi dal Paese terzo di appartenenza e l’Unione e i suoi Stati membri.

 

Per una consulenza gratuita chiamare

06 9826 4238

334 7474 708

o Compilare il form